Suor Letizia (When Angels Don’t Fly)

Miss Magnani over-straining for a lightweight comic effect, which does not always suit her

Annunci
Suor Letizia When Angels Don't Fly
Anna Magnani and Piero Boccia in “Suor Letizia – When Angels Don’t Fly” directed by Mario Camerini (1956)

September 1956

Offbeat subject matter boosted by a good performance by Anna Magnani looks a good possibility in general situations on the strength of her name, both statewide and elsewhere. Pic’s chances could be greatly heightened via a tightening of its first half, which builds too slowly. General, rather than arty, handling is suggested.

The Oscar winner’s first film since Rose Tattoo has an interesting central plot core, not always successfully developed in script form. A nun, forgetting her habit and dedication, has her innate maternal instincts aroused by a young child whose parents have abandoned him; she “adopts” him, but eventually realizes her faults and brings him back to his mother, who has by this time also come round to a realization of her parental duties.

The pic’s first half, with its reminiscences of other pix on “modern” nuns as well as for the successful Spanish Marcelino, Pan y Vino, in the way the moppet is handled and plotted, is weak and slow-paced, with humor appearing forced and even Miss Magnani over-straining for a lightweight comic effect, which does not always suit her. However, when the conflict between her duties and her maternal instinct comes to a head, pic builds rapidly to a hard-hitting, dramatic and moving finale in which the actress is able to unleash her formidable talent.

Piero Boccia, as the kid, has his winning moments, while Eleonora Rossi Drago and Antonio Cifariello lend okay support. Mario Camerini‘s direction is uneven and often appears listlessly to follow the script which, as noted; often offers the thespers indifferent material to work on. Lensing by Gianni Di Venanzo, both in locations on the island of Ischia and in Roman studios, is competent, and remaining credits are good.

Hawk

Anna Magnani at the Venice Film Festival

Compared with Anna Magnani Brando is like a normal all-American college boy

Anna Magnani Venice Film Festival 1956
Anna Magnani, Venice Film Festival 1956

Venice, September 1956

Who is the Queen of the Film Festival here — a busty blonde with flexible hips and sun-bronzed limbs? Not this time.

She is a fifty-three-year-old woman with straggly hair and dark ringed eyes who can swear prodigiously in six different languages — and is learning fast. Her name is Anna Magnani. I regard her as the greatest actress on any screen today.

The Italians love her, idolize her, worship her — with the sacrificial adoration Lollobrigida can never enjoy.

Look what happened when Anna walked through the Hotel Excelsior foyer on to the sunlit terrace here today.

The sun — worshipping producer — chasing teenagers reclined hopefully and horizontally on the beach. Suddenly Magnani swept in and sat down at a table. There was a general stampede. Nearly every Italian on the beach, on the terrace and in the foyer rushed to get near her. Thirty kissed her hand in about as many seconds. One man fell on his knees. The smiling Magnani yelled (in Italian) “Arise, Sir!” — although not quite like a queen at an investiture.

Meanwhile, all the bikini babes were left deserted on the beach — very glum in the sun.

Finally, with a huge crowd chanting “Anna Anna!” the fifty-three-year-old actress sailed off in a motor-boat with a twenty-year-old boy friend.

Anna Magnani has burst upon this funereal festival looking like a guerrilla leader at a fancy dress party — or, alternatively, like an animated hand grenade from which the pin has just been removed.

The “magnificent Magnani,” and Oscar winner with her first Hollywood film, Rose Tattoo got a bigger reception than Lollobrigida from the fans. She went through them like a tank, scowling furiously.

Everybody was amazed that she had come including Magnani herself. Junketing in the sand is not her speciality. She signs autographs with as much relish as if they were death warrants. She could get claustrophobia in the middle of the Pacific.

Yet when she came out on the sun terraces the whispers were that Hollywood made Magnani more reasonable.

It was said with an air of disappointment, for nobody expects or wants a great eccentric to be reasonable.

When Magnani was first asked to come here she refused out-right. She said, with splendid arrogance: “If they wish to give me the prize they can do it without me being there. They gave me the Oscar without my being Hollywood.”

Sandro Pallavicini, the producer of her latest film, pleaded with her to change her mind, but she was adamant. The matter was referred to Tennessee Williams for arbitration. He said she should go to the festival, so she came.

Magnani arrived with her young friend, Gabriele Tinti, a 22-year-old actor, who is said to be the James Dean of Italy.

After the showing of her film Sister Letizia, she had dinner with Tinti, Pallavicini and his wife, and James Mason and his wife, but that junior eccentric, Portland Mason, was not there.

In the middle of the dinner there was a typical Magnani incident.

She began to upbraid her young friend, Tinti. He comes from Bologna and his accent is not purely Roman as Magnani would like it to be.

“You have to learn to speak properly,” she told him fierce’y. “You must learn to get rid of that terrible accent if you wish to be a star you must pay attention to what I say.”

The others were a little pained by this scene, but after all this was Magnani and with her there is no knowing what she will do or say next. To be a genius and a woman is a formidable combination. Italy is well aware of this.

Now that she is becoming and international star the rest of the world will have to preparate itself for a new  personality who, by comparison, makes Brando look like a normal all-American college boy.

I offer you this introduction to Magnani so that you will know what to expect. For three years she has not made an Italian film. This is partly because she had not found a worthwhile subject and partly because most of the directors are terrified of her.

A famous, but none the less disconcerting Magnani phrase during the making of a film is “I do not feel to work to-day.”

I was told by Pallavicini that for a time nobody wished to make a film with her. There is always a quarrel between her and the director. She will have to become a director herself. It is the only solution.

Fir three years she had to sit back and watch all the other little actresses like Lollobrigida and Loren go up and up while she had to wait and wait.

“What does she think od Lollobrigida and Loren?” I asked. “It is better not to tell you.” he said. He added: “You should not misunderstand. She is very reasonable with people she trusts. The trouble is that she does not trust anybody. She always thinks they want to cheat her.”

I asked: “Is she arrogant?”

“Yes,” he said, “she is a woman of arrogance. She has no humility at all. For an artist I think this is not a bad thing. For a woman — well, it can make life difficult sometimes. For the men, her arrogance comes out of a complex. When she meets somebody new she is always very cold, but later, if she is happy, she warms up.”

“Is she often happy?”

“No, not often, perhaps fifty per cent of the time. But she likes to be happy because when she is happy she knows she can look beautiful.”

“Does she think she is a beautiful woman?” “No, but she thinks she has a great sex appeal.”

“Does she dress well?” “Jewelry, big huge diamonds. She is a very rich woman. She has jewelry worth.”

I said: “She sounds fascinating. I have admired her enormously. I would like to meet her.” “That,” said Pallavicini “is impossible. She is sick.  When she does not want to do something she becomes sick.”

He looked at me and gave a worried smile. “If you ask her what you ask me, she will have a relapse.”

Suor Letizia di Mario Camerini alla Mostra di Venezia

Anna Magnani ha dato ancora una volta una prova delle sue doti eccezionali in ogni momento dell’azione.

Venezia, Sabato 1 settembre 1956. Il buon nome del cinema italiano nel campo del film a soggetto è affidato quest’anno all’anziano Mario Camerini. Quando si pensava che questo regista non avesse più niente da dire dopo la brillante vena che lo aveva caratterizzato nell’anteguerra e dopo qualche impennata, subito smorzata, nei primi del dopoguerra (in cui metteremo quel Due lettere anonime, d’ambiente partigiano, che ha fatto l’altra sera cadere la romana Mancuso a Lascia o raddoppia, eccolo, in un periodo in cui Venezia era diventata dominio di giovani come Fellini, Antonioni, Maselli, tornare nuovamente alla ribalta con Suor Letizia interpretato da Anna Magnani.

È un gradito ritorno che ci apre più di un ricordo simpatico e che ci auguriamo abbia sul serio un esito positivo.

Domani sera, quando il grande schermo del Palazzo si illuminerà vorremmo che cadessero immediatamente tutte le dicerie di questi giorni che attribuiscono a questo film un invito nato soltanto per l’impossibilità di altre scelte nell’arido panorama della produzione italiana degli ultimi mesi; oppure per un doveroso atto di omaggio ad una attrice come Anna Magnani. Vorremmo, insomma, che Camerini non abbia fatto soltanto «il film della Magnani», ma soprattutto il «suo» film, magari con quella freschezza e semplicità di racconto dei suoi primi lavori, che fecero addirittura parlare di uno stile «cameriniano».

È in arrivo Anna Magnani per assistere alla presentazione del suo film Suor Letizia diretto da Mario Camerini. In onore della grande attrice, premio Oscar 1956, sarà offerto un cocktail al Golf Club del Lido.

Anna Magnani durante il cocktail 1956

Venezia, Domenica 2 settembre 1956. Alla presenza di Anna Magnani, di Eleonora Rossi Drago e di Mario Camerini, del piccolo Boccia e dei produttori, ha avuto luogo l’attesa proiezione di Suor Letizia, secondo e ultimo film italiano di questa Mostra. Dalla prima sera non si era vista la sala del Palazzo del Cinema tanto affollata di pubblico elegante e quanto mai ben disposto, malgrado le non poche delusioni date dai film presentati finora.

Suor Letizia è un film evidentemente ed ovviamente ideato e costruito su misura per la nostra grande attrice. Ma giova riconoscere che esso, malgrado questa specie di vizio di origine, non si limita a dar modo alla Magnani di sfoggiare le sue eccezionali doti di spontaneità e di comunicativa. C’è senz’altro qualche cosa di più della ricerca del facile effetto umoristico o sentimentale; c’è qualche cosa di umano che è anche abbastanza insolito e che in alcuni momenti rasenta l’audacia, sempre, beninteso, in limiti ben definiti. Nell’insieme il film appare fatto con molta pulizia e in maniera più che decorosa, tenuto conto delle non lievi difficoltà che offriva il soggetto e della possibilità di ricorrere a toni eccessivamente melodrammatici.

È superfluo dire che il film non avrebbe potuto essere quello che è senza la presenza di Anna Magnani, che ha dato ancora una volta una prova delle sue doti eccezionali in ogni momento dell’azione. Accanto a lei gli altri quasi scompaiono; ma ciò non ha impedito ad Eleonora Rossi Drago di ben figurare in una parte breve, ma importante, al piccolo Piero Boccia di dimostrare la sua simpatica spontaneità, e ad Antonio Cifariello di sostenere con molta misura il suo ruolo.

Mario Camerini ha svolto con estrema cura ed onestà il suo lavoro. Una evidente stonatura, dato il genere del soggetto, è la presenza di ben undici sceneggiatori, cosa che rasenta il ridicolo e che troppo spesso si verifica nella nostra produzione anche per film di modesto impegno.

Successo vivissimo, malgrado le mote riserve della critica; successo che si ripeterà certamente nelle visioni in pubblico, in Italia e all’estero. Non occorre dire che Anna Magnani è stata festeggiatissima prima, durante e dopo la proiezione.

Presentazione di Suor Letizia alla Mostra di Venezia 1956

Vogliamo bene a tutti perché questa sera abbiamo veduto Suor Letizia con Nannarella vostra (io mica son romano) che è una cannonata anche se il soggetto è un po’ alla “padrone delle ferriere” per via che c’è un bambino figlio di una tale che poi si sposa con un altro tale che mica vuole il ragazzino d’un altro; ma per fortuna ci si mette la Magnani che anche lei gli voleva bene tanto tanto perché si sentiva spiritualmente sua madre; ma poi il senso del dovere e la democrazia cristiana ci pensano loro e tutto finisce bene fuorché per Nannarella che se la chiamavano Suor Tristezza era molto meglio.
Il cronista

&&&&&

La vicenda della realizzazione di Suor Letizia, come ce la racconta Camerini, spiega, almeno in parte, i difetti più vistosi del film, e più insistentemente sottolineati dalla critica. Anche se non li giustifica — ciò che del resto Camerini riconosce — accollandosi lealmente tutta la responsabilità: «È il regista che mette la firma a un film, anche se la sua opera si avvale necessariamente di numerosi collaboratori: a lui quindi il merito o la colpa dei risultati».

Inizialmente la pellicola doveva intitolarsi Suor Camilla, e narrare semplicemente la storia della monaca di molte imprevedibili risorse, che riesce a rabberciare e far navigare la stanca navicella di un vecchio convento in condizioni fallimentari e prossimo a chiudere; doveva trattarsi di un film brillante, anzi quasi comico, praticamente un duplicato in versione femminile di Don Camillo, che si proponeva di sfruttare il largo successo del lavoro di Duvivier, con lo scoperto richiamo dell’analogo titolo, e di puntare sulla moltiplicata post-oscariana popolarità di Anna Magnani, impegnata in un ruolo fin troppo rispondente al suo più tipico e risaputo cliché.

Al momento di redigere la sceneggiatura però, come spesso accade, il soggetto apparve agli autori troppo esile e inconsistente, per reggersi da solo. Fu allora che nacque l’idea di immettere nella trama un elemento patetico con la storia del ragazzino abbandonato e l’improvviso insorgere dell’affetto materno nella protagonista; episodio che in un primo tempo doveva essere una sorta di contrappunto alla fondamentale comicità del lavoro, poi andò via via sviluppandosi fino ad assumere funzione di primo piano, e riassorbire completamente —così almeno nelle intenzioni del regista — l’idea iniziale, rappresentando anziché un personaggio comico, un personaggio drammatico: la monaca che, negata a qualunque legame terreno, si scopre capace di affetti come ogni altra donna, e, lungamente inibita nei propri istinti più vitali, non può che concepire un sentimento eccessivo, tortuoso, ambiguo, complicato di sensi segreti e inconfessabili.

Una storia dunque senza alcuna intenzione edificatoria, a differenza di quanto si possa credere dai risultati, e anzi al limite dell’ortodossia. Tali intenzioni però oltre a essere esposte al rischio di restare nella penna, di fronte allo spettro onnipresente delle lunghe forbici della censura, sempre pronta a raggiungere la celluloide senza alcun rispetto per i risultati estetici e la stessa coerenza della produzione cinematografica, si trovarono, prima di essere realizzate, a doversi misurare con l’imperiosa volontà della Magnani, già contrattualmente impegnata, e per nulla disposta a rinunciare al ruolo di Fernandel in sacre bende che le era stato proposto e che le si addiceva perfettamente.

In tali condizioni il lavoro procedete tra continui compromessi e reciproche concessioni, tra il regista costretto a conservare parte della iniziale sceneggiatura brillante, e la protagonista impegnata in una parte a lei poco congeniale; recando al risultato di un personaggio incerto, discontinuo, assai poco credibile. Questa coesistenza, anzi giustapposizione di due film in uno ha provocato, a dire di Camerini, anche la scarsa caratterizzazione dei personaggi di contorno; per quanto riguarda poi la madre del bimbo e l’amante di lei, il regista aveva pensato parti di ancora minor rilievo — pretesto e giustificazione della vicenda più che veri personaggi con un peso nell’economia del film —, che avrebbe voluto affidare ad attori improvvisati.

L’interpretazione della Rossi Drago e di Cifariello invece, imposti anch’essi dalla complicata cucina degli interessi di Cinecittà, ha comportato uno sviluppo delle parti, insufficiente a farne rilevare la debolezza. Infine Camerini dichiara che Suor Camilla-Letizia non è nato con grosse ambizioni; è stato pensato come film di successo, impostato su un dramma d’effetto sicuro, destinato alle facili lagrime delle grandi platee e ai conseguenti rilevanti incassi. Prodotto commerciale, che non aveva mai aspirato all’onore della Mostra veneziana.
Carla Ravaioli

O Brando o niente dice Anna Magnani a Tennessee Williams

Anni sono Williams aveva già tentato di convincere la Magnani ad interpretare a Broadway La rosa tatuata, ma senza riuscirci.

Orpheus Descending

New York, 12 Giugno 1956

Tennessee Williams ha visto in questi giorno crollare un bel sogno: ottenere Anna Magnani come protagonista della sua nuova piece intitolata Orpheus Descending (Discesa di Orfeo). Anni sono Williams aveva già tentato di convincere la Magnani ad interpretare a Broadway La rosa tatuata, ma senza riuscirci. Che avesse visto giusto lo dimostra tuttavia il fatto che la nostra attrice doveva conquistare l’Oscar proprio con la raffigurazione per il cinema della Rosa tatuata.

È vero che Tennessee Williams aveva promesso che accanto alla Magnani ci sarebbe stato Marlon Brando, che non ha potuto accettare perché troppo occupato con il cinema. Alle sollecitazioni del commediografo la Magnani ha risposto: «O Brando o niente», malgrado il fatto che Williams fosse giunto al punto di inviare a Roma alcune sequenze del film dell’attore proposto in sostituzione di Brando, Paul Newman, per dimostrarne la valentia.

Sconfitto, lo scrittore ha rinviato la presentazione di Orpheus Descending.

La Rosa Tatuata porta al falso neorealismo

Nell’idea di partenza, Rosario non tradisce Serafina con Estella, la ragazza del Mardi Gras, ma con un uomo

Anna Magnani The Rose Tattoo

Giugno 1956

(…) Il falso folklore de La rosa tatuata porta al falso neorealismo; è evidente che l’aggettivo neorealistico, che certa critica ha adoperato per il film di Daniel Mann, è frutto dello stesso equivoco in cui è caduto il regista (né ci risulta d’altra parte che la stessa critica, così pronta in altre occasioni a parlare di lesa nazionalità, abbia avanzato riserve del genere). E ridotto questo folklore alla bizzarria, alla stranezza, al pittoresco, non rimaneva che articolare la vicenda da una parte sul piano dello umorismo e del grottesco (si veda, oltre a certi atteggiamenti di Serafina, tutto il personaggio di Alvaro) e dall’altra su quello dell’equivoco drammatico. Non riusciamo ad accettare la giustificazione di Williams, quando nell’introduzione a La rosa tatuata scrive: «La decrescente influenza del distruttore della vita, il tempo, deve venire in qualche modo inserita nel contesto della commedia. Forse è una certa distorsione verso il grottesco che può risolvere il problema». Le origini dell’equivoco drammatico non sono meno sicure.

Si è detto che nessun carattere tipico siciliano — del resto inesistente — può giustificare gli eccessi di Serafina Delle Rose, certe repulsioni, il trauma così profondo che la colpisce alla notizia e alla constatazione del tradimento di Rosario. Un simile comportamento e una simile reazione psichica sono da ricercare in un altro tema, comune e fondamentale nell’opera di Williams, e che ne La rosa tatuata viene improvvisamente a mancare; di qui incomprensioni ed equivoci. Si allude al tema della frustrazione femminile, strettamente legato a un fattore determinante, quello della omosessualità. Nell’idea di partenza, Rosario non tradisce Serafina con Estella, la ragazza del Mardi Gras, ma con un uomo: proprio come il marito di Blanche Dubois. Ecco perché la reazione di Serafina, che è della stessa natura e intensità della protagonista del Tram, risulta esagerata quanto giustificata in Blanche; ed esagerate, ingiustificate — se non si tiene conto delle intenzioni di Williams — le paure per la figlia Rosa, innamorata di un marinaio che tanto somiglia al giovane americano medio di cui parla Chayefsky nell’introduzione di Marty e che Daniel Mann ci presenta ancor più effeminato (come spiegare altrimenti queste parole di Serafina? “Non capisco perché vi debbano vestire con calzoni così attillati”); la ripulsa che prova quando si accorge che anche Alvaro, quest’uomo che dalla testa in giù tanto somiglia fisicamente al marito, ha una rosa tatuata sul petto. Si comprende allora anche il significato, il simbolismo di tali tatuaggi, e della camicia di seta e di tutto il rosa che predomina: nei nomi, nelle carni, nella camicia e nella tappezzeria. (Nel testo teatrale si parla di oggetti rossi o dorati, di pesci rossi, di tappezzerie di analogo colore; e di altri simbolismi, come i manichini: preme alle porte Camino real, dove domineranno l’allegoria e l’astrazione).

Il cambiamento con Estella si deve alla Magnani che si sarebbe rifiutata di interpretare altrimenti una parte che Williams andava scrivendo per lei. C’è un grande mestiere in questa Magnani; ma può il mestiere, pur grande che sia, diventare arte quando il personaggio che si interpreta è costituzionalmente falso, e falso l’ambiente in cui agisce? Le prove maggiori offerteci da questa grande attrice rimangono la popolana di Roma città aperta e la madre di Bellissima.

Guido Aristarco
(Cinema Nuovo) 

L’Oscar di Anna Magnani

…e l’industria cinematografica italiana

Anna Magnani Oscar

Anna Magnani è stata la prima attrice straniera a cui il cinema americano abbia assegnato il più alto riconoscimento: l’Oscar per la migliore attrice protagonista. Questo premio ha coronato una lunga serie di successi ottenuti dall’attrice.

Roma, aprile 1956

Dobbiamo congratularci dell’Oscar concesso ad Anna Magnani? Dobbiamo andarne orgogliosi?… Non ci può esser dubbio. Per un secolo circa, ci siamo inorgogliti dai trionfi mietuti anche all’estero, anzi sopratutto all’estero, dai nostri grandi attori e dalle nostre grandi attrici di prosa, dai Salvini, dai Rossi, dai Modena, dai Ruggeri, dai Novelli, dagli Zacconi, e dalle Pezzana, dalle Duse, dalle Gramatica, e non vogliamo qui nemmeno accennare ai trionfi dei nostri grandi artisti lirici, per non uscir dal campo dell’arte drammatica, nel quale la Decima Musa ha trovato il suo legittimo posto. Perché dunque non dovremmo gioire del clamoroso successo di questa nostra veramente grande artista cinematografica, che davanti alla macchina da presa non si affida al trucco, ai ricciolini sulla fronte, alla procacità del seno o alla seduzione delle gambe, ma recita recita sempre, con una intelligenza, una sensibilità, una sincerità che impressionano e commuovono? Come si spiegherebbe altrimenti che, al suo primo film americano, abbia conquistato quel pubblico, e convinto una rigorosa giuria, che non aveva mai prima concesso quel premio ad una attrice straniera? Non potendosi spiegar col fascino fisico della donna, perché la Magnani non usa mettere in mostra nulla, se si eccettua il suo volto, certo interessantissimo, altra spiegazione non resta che il fascino dell’arte, di quell’arte a cui molti produttori e registi improvvisati si rifiutano di credere (…).

Vogliamo dunque dire, che se l’industria cinematografica italiana avesse potuto disporre, nei dieci anni della sua ripresa, non di una sola, ma di una mezza dozzina di Anna Magnani, non avrebbe vinto soltanto per il secondo posto, la battaglia del numero, vittoria che non dimostra nulla o dimostra soltanto uno sforzo finanziario impari al risultato conseguito, ma avrebbe consentito una vittoria ben altrimenti gloriosa, quella della qualità, e non si troverebbe adesso nei guai, che ne rendono incerto e preoccupante il domani. Perché — non dimentichiamo — come di qualunque prodotto industriale o merce di scambio, è la qualità che conta sopratutto, nel mercato interno e più in quello estero, che si vuole conquistare. È la qualità che il nostro melodramma impone, da due secoli ai teatri lirici di tutto il mondo, la qualità delle opere e la qualità degli interpreti. Col numero non di vincono nemmeno le guerra, se la qualità dei combattenti, e dei loro capi, è scadente.

Il trionfo hollywoodiano di Anna Magnani deve pure insegnare ai produttori, ai registi, agli interpreti del nostro cinema, che se errare humanum est, perseverare nell’errore, dopo aver errato per dieci anni, non è forse diabolico, ma sarebbe certo imperdonabilmente stupido. Si possono fare dei film scadenti, se imposti da esigenze di casetta, anche l’industria americana ne fa, ma non si possono affidare unicamente all’improvvisazione, alla mediocrità, all’opportunismo le sorti di una industria, nella quale l’Italia fonda giustamente molte speranze. Non basta ignorare il successo di una grande attrice, già considerata quale un relitto, per tenere alta la fama della cinematografia italiana, bisogna rendersi conto della necessità di mutar rota, per liberarla dalle secche in cui si è insabbiata e rimetterla nel mare libero, che non è fatto per i cattivi navigatori e nemmeno per le cattive ciurme.

La siciliana di Roma

Anna Magnani non è un personaggio introverso, ma estroverso; non nasconde niente dentro di sé, ma protesta

La rosa tatuata
La rosa tatuata, Burt Lancaster, Anna Magnani

Anna Magnani ha meritato di vincere il Premio Oscar che le è stato assegnato dall’Accademia Cinematografica di Arti e Scienze?

La risposta non può essere che affermativa, poiché non sono molte le attrici che possono vantare la prodigiosa umanità e l’impeto popolaresco dell’interprete di La rosa tatuata. Il riconoscimento alla Magnani, fra l’altro, è stato un omaggio a tutto il cinema italiano del dopoguerra, alla carica di verità che il neorealismo ha saputo portare, come una nota del tutto inedita, sugli schermi del mondo. Quindi, premio meritatissimo.

Ma La rosa tatuata, ora che è arrivata nei nostri cinema, ha deluso un po’ tutti. Della commedia di Tennessee Williams si potranno apprezzare certe qualità di scrittura, la preziosa filigrana di un dialogo spesso e gustoso; ma si tratta di un testo in fondo esile, non troppo felice né significativo: uno studio d’ambiente più suggestivo che profondo, testimonianza di un gusto letterario raffinato e tuttavia confinatosi volontariamente nell’ambito di una esercitazione di gran classe. Il film, come usa a Hollywood nel riprodurre un successo teatrale di Broadway, si limita a un’attenta esecuzione della commedia; si direbbe che il regista, Daniel Mann, non abbia un’idea propria sul testo che gli è stato proposto, soltanto lo scrupolo di attenersi alla lettera del copione, depennando appena le parole troppo forti. Manca così, nella realizzazione cinematografica, una dimensione ambientale che non sia allusiva e indiretta: e La rosa tatuata di Williams, pur non essendo un capolavoro, ci scapita un poco.

Quanto alla Magnani, la sua recitazione risente alquanto i difetti del film: nelle vesti di Serafina Delle Rose, la nostra attrice è fuori ruolo. Noi conosciamo bene Anna Magnani, dagli stornelli romaneschi della rivista alla popolana di Roma città aperta, dalla madre di Bellissima alla pittoresca attrice di Siamo donne. Una Magnani siculo-americana, taciturna e scontrosa, dominata da un represso sottofondo sessuale, non è certo l’immagine più fedele che si può avere del suo personaggio. Anna Magnani non è un personaggio introverso, ma estroverso; non nasconde niente dentro di sé, ma protesta; infine non è siciliana, ma romana: e pur senza voler attribuire ai caratteri etnici una fissità assoluta (e senza voler legare l’attrice all recitazione dialettale) ci sono certe regole di verosimiglianza psicologica che nel cinema nessuno può violare. Avete notato che Anna Magnani, doppiando se stessa per La rosa tatuata, ha dovuto rinunciare, forse per la prima volta, alle inflessioni romanesche? Intendiamoci, ha recitato benissimo e il suo sforzo merita lode: ma le sue battute in lingua appaiono alquanto ingrigite, non hanno la vivacità consueta.

Ciò non toglie che nel film, la Magnani sia molto brava: perfino troppo, in qualche scena dove fa evidentemente ricorso ai piccoli e grandi trucchi del suo mestiere consumato, dove la ricerca dell’effetto appare leggermente scoperta. In molte sequenze l’attrice ha tuttavia momenti di autentica grandezza, soprattutto nei dialoghi con Burt Lancaster: che, da parte sua, si rivela ancora una volta un interprete eclettico e spiritoso, un attore completo.

Tullio Kezich