È tornata Nannarella

Dopo una breve permanenza a Londra, Anna Magnani è rientrata a Roma. Eccola sorpresa all’aeroporto di Ciampino subito dopo il lungo viaggio via Parigi. È stato il primo viaggio in aereo compiuto dalla diva, abituata a viaggiare sempre in treno.

Annunci

Anna Magnani rientrata a Roma 1949

“Dopo una breve permanenza a Londra, Anna Magnani è rientrata a Roma. Eccola sorpresa all’aeroporto di Ciampino subito dopo il lungo viaggio via Parigi. È stato il primo viaggio in aereo compiuto dalla diva, abituata a viaggiare sempre in treno. Questa volta ha scelto l’aereo perché importanti impegni richiedevano la sua presenza a Roma. L’aereo è giunto con due ore mezza di ritardo. A Londra la nostra attrice è stata molto ammirata e, prima di partire, gli esponenti del cinema inglese le hanno, in segno di omaggio, regalato un prezioso ritratto della Duse” 

Anna Magnani, dopo il suo breve soggiorno londinese è rientrata a Roma. L’attrice non aveva mancato, anche durante la sua assenza, di tenersi in contatto telefonico quotidiano con il regista Rossellini, che la metteva ogni sera al corrente delle ultime novità. La nostra attrice ha ricevuto un ampio successo nella capitale inglese per la presentazione de L’onorevole Angelina. Non contenta di ciò e volendo evidentemente impressionare il pubblico anglosassone, la Magnani ha tentato di avere per via aerea una copia del suo più recente film Amore. Per qualche sera Rossellini è stato tempestato di telefonate ma sembra che gli sia stato impossibile trovare le “pizze” da spedire. D’altra parte la presenza della Bergman e la preparazione del nuovo film gli hanno occupato quasi tutto il suo tempo. Nannarella nostra non si è arresa alla grande attrice americana e piuttosto che attendere qualche mese per il suo nuovo film ha preferito ripiegare: si annuncia infatti l’imminente inizio di Aria di Roma per la regia di Mario Bonnard e con la particolare supervisione di Roberto Rossellini. La notizia, ormai ufficiale, non ha bisogno di commenti. Rossellini intanto è partito per Stromboli, e Ingrid, che non è ancora riuscita a vedere una sola riga di copione, è stata soprannominata dai maligni “La grande ignara”. Si sa anche che il regista italiano ha ricevuto per la realizzazione del suo film un anticipo di cinquecentomila dollari, al cambio trecento milioni circa.

♦♦♦♦♦

Quando giunse in Italia Orson Welles, qualcuno dei soliti linguacciuti mise in giro la calunnia che l’attore americano non fosse esattamente qual che si dice un portafortuna. Anzi… Ebbene, durante la lavorazione di Cagliostro, interpretato dall’ex marito della futura sposa di Ali Khan, il caso volle che si contassero alcuni incidenti e questo valse a dar corpo al venticello calunnioso che già spirava insistente e perverso. In altro senso il regista Rossellini è stato bersagliato da una tenace schiera di malelingue che alimentano la favoletta, ormai vecchia come quella di Cappuccetto Rosso, d’una presunta persecuzione ad opera di Anna Magnani e ai danni del regista che si accinge a dirigere la Bergman. Con l’arrivo di Ingrid, poi, le storie fioriscono a mille e son tutte storie di gelosia, di scene drammatiche, di ripicchi. Storie, come abbiamo detto e ripetuto, che si susseguono prendendo spunto da ogni minimo particolare. Arriva la Bergman e la Magnani parte per Londra? Si dice che Rossellini l’abbia allontanata. Ritorna la Magnani e Rossellini parte con Ingrid per lo Stromboli a fare un sopralluogo dove si girerà il film? Si afferma che Rossellini fugge al riparo degli sfoghi di Nannarella. Ogni coincidenza è soggetto di critica e di rilievo. Il regista di Paisà non sa come salvarsi. Esce un modesto foglietto, redatto alla buona da una trentina di nomi del giornalismo e del mondo cinematografico, in difesa del cinema italiano e Rossellini scrive il suo punto di vista dando incautamente al suo brano questo titolo: “Primo, tranquillità di lavoro”. Non si può non sorridere indovinando che i soliti maligni vedranno, in quel titolo, una disperata invocazione di Rossellini ossessionato. Venne da sorridere pensando che Germania anno zero e La macchina ammazzacattivi sembra siano stati girati da Rossellini fra una telefonata e l’altra di Nannarella, fra una fuga e l’altra, a Roma, per calmare la Magnani, in un clima, cioè, perennemente burrascoso. “Tranquillità di lavoro”, chiede Rossellini nel suo trafiletto. Ma a chi è rivolto l’appello angoscioso? Questo si chiedono i maligni, i quali sono stati attivissimi in questi giorni in attesa del ritorno della Magnani da Londra.

“Scoppierà una bomba”, profetizzavano, fregandosi le mani. “È imminente uno scandalo”, annunciavano al colmo della gioia. Viceversa Anna Magnani è tornata, ma in viaggio deve aver meditato un’intelligente piano di battaglia. Infatti, subodorando ciò che tutti attendevano da lei, anziché dar fuoco alla miccia che avrebbe dovuto causare il tanto atteso scoppio della bomba scandalistica, Nannarella ha capito che il fragore avrebbe pubblicitariamente giovato Rossellini. E così sarebbe stato: la Magnani gelosa della Bergman, lascerebbe intuire che fra Ingrid e Rossellini corre del tenero. E allora ha scelto un’altra strada, comunicando così la sua decisione agli amici: «Quello», tutti sappiamo chi intende Anna, «sarebbe lieto di uno scandalo. Se lo vuole, deve darmi almeno dieci milioni». Decisione saggia: la pubblicità si paga.

Roberto Sgroj

Autore: tributetoannamagnani

"Tribute to Anna Magnani" è un progetto ideato e realizzato per rendere omaggio ad Anna Magnani, a scopo didattico e senza fini commerciali. For Study Purposes Only.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.