Cerimonia per Camilla (Magnani)

In un sventolio di piume iridescenti, di nastrini rossi e di capelli neri, Anna (pardon: Camilla), sale nella “Carrozza” e parte al trotto di quattro superbi cavalli bianchi, verso i regni dell’Arte e della Chimera

Annunci

Anna Magnani e Jean Renoir

Febbraio 1952

A Piazza Colonna, lunedì, due lussuosi autopullman attendevano il loro carico umano, fatto per l’occasione di giornalisti italiani e stranieri e di amici della Panaria Film: dall’alto della colonna aureliana S. Paolo tendeva la mano aperta e protettrice verso il sottostante brulicame. Ognuno di noi era da qualche giorno in possesso del rotolino di pergamena con l’invito per le N.N. S.S. illustrissime, dipinto a caratteri gotici e dorati, nonché legato da un bel nastrino color blu, diremmo Savoia.

La cerimonia è in onore della signora Camilla, al secolo Anna Magnani. Nel teatro di posa, Camilla (in grigio e nastrino rosso al collo e nei capelli raccolti a mazzo sulla nuca) era già sotto il fuoco dei riflettori, vicina a Jean Renoir, cappellone grigio e bastone. Le signore, entrate coi giornalisti ed invitate d’onore, occupavano quasi tutto il cortile di una settecentesca osteria di campagna del vecchio Perù e il primo giro di manovella stava per aver luogo; schierati sotto l’arco rustico c’erano gli attori della Commedia dell’Arte, fra cui abbiamo riconosciuto Odoardo Spadaro nelle vesti del capo-comico don Antonio con tricorno e una gran cetra dorata: il gagliardo Felipe, fortunato amante di Camilla, bel ragazzo e noto attore inglese (Paul Campbell) che riscuote la particolare ammirazione delle dame presenti; un variopinto Pulcinella e William Tubbs, l’oste panciuto. Tutti gli sguardi convergono sulla protagonista; le signore impellicciate, scintillanti di autentiche gemme, si affollano verso Camilla per vedere meglio, per sentire cosa dirà. Il «silenzio si gira» è già scattato e il ronzio del motore fa ammutolire i più irrequieti. Anna apre la bocca, la chiude; anzi, si copre la bocca con la mano e ride, ride e dice che non può parlare, perché «signori, signore, io dovrei dire guardando lo spazio che voi occupate “Ma che porcile!”; e come faccio e dirvelo?». Un applauso, molte risate cordiali accolgono le parole di Anna Magnani, e Renoir, placido, bonario, si è fatto avanti per dire allo scelto e divertito pubblico che si ripeterà la scena domani, con le parole d’obbligo, quando il cortile sarà vuoto!

Ora tutti si riversano all’esterno del teatro, nel viale adiacente, dove la Carrozza d’Oro brilla sotto le luci violente dei fari, tutta oro zecchino al di fuori e croccato di raso lilla di dentro, e nelle divise del cocchiere e degli staffieri. In un sventolio di piume iridescenti, di nastrini rossi e di capelli neri, Anna (pardon: Camilla), sale nella “Carrozza” e parte al trotto di quattro superbi cavalli bianchi, verso i regni dell’Arte e della Chimera. Si è dileguata nella notte la carrozza che fu del principe di Butera, primo pari del Regno di Sicilia, e poi del principe di Trabia (è il produttore del film, principe Francesco Alliata che parla) e che era ormai un relitto. Restaurata, rimessa tutta a nuovo dai famosi artigiani del legno di Palermo, è divenuta il segno palese dei favori vicereali alla commediante Camilla, l’unico suo bene terreno ch’ella donerà al Vescovo perché serva a portare il S.S. Sacramento e nessuno muoia più senza viatico. Ascoltando queste parole, ci avviamo col principe Alliata, la principessa, cappellino di piume celesti e collana di brillanti e stupendo mantello di lontra, il barone Correale padre e il presidente dell’Anica, avvocato Eitel Monaco, per i viali gelidi di Cinecittà verso il grande ristorante che splende di luci nel buio.

Diana Lante

Autore: tributetoannamagnani

"Tribute to Anna Magnani" è un progetto ideato e realizzato per rendere omaggio ad Anna Magnani, a scopo didattico e senza fini commerciali. For Study Purposes Only.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.