La siciliana di Roma

Anna Magnani non è un personaggio introverso, ma estroverso; non nasconde niente dentro di sé, ma protesta

Annunci
La rosa tatuata
La rosa tatuata, Burt Lancaster, Anna Magnani

Anna Magnani ha meritato di vincere il Premio Oscar che le è stato assegnato dall’Accademia Cinematografica di Arti e Scienze?

La risposta non può essere che affermativa, poiché non sono molte le attrici che possono vantare la prodigiosa umanità e l’impeto popolaresco dell’interprete di La rosa tatuata. Il riconoscimento alla Magnani, fra l’altro, è stato un omaggio a tutto il cinema italiano del dopoguerra, alla carica di verità che il neorealismo ha saputo portare, come una nota del tutto inedita, sugli schermi del mondo. Quindi, premio meritatissimo.

Ma La rosa tatuata, ora che è arrivata nei nostri cinema, ha deluso un po’ tutti. Della commedia di Tennessee Williams si potranno apprezzare certe qualità di scrittura, la preziosa filigrana di un dialogo spesso e gustoso; ma si tratta di un testo in fondo esile, non troppo felice né significativo: uno studio d’ambiente più suggestivo che profondo, testimonianza di un gusto letterario raffinato e tuttavia confinatosi volontariamente nell’ambito di una esercitazione di gran classe. Il film, come usa a Hollywood nel riprodurre un successo teatrale di Broadway, si limita a un’attenta esecuzione della commedia; si direbbe che il regista, Daniel Mann, non abbia un’idea propria sul testo che gli è stato proposto, soltanto lo scrupolo di attenersi alla lettera del copione, depennando appena le parole troppo forti. Manca così, nella realizzazione cinematografica, una dimensione ambientale che non sia allusiva e indiretta: e La rosa tatuata di Williams, pur non essendo un capolavoro, ci scapita un poco.

Quanto alla Magnani, la sua recitazione risente alquanto i difetti del film: nelle vesti di Serafina Delle Rose, la nostra attrice è fuori ruolo. Noi conosciamo bene Anna Magnani, dagli stornelli romaneschi della rivista alla popolana di Roma città aperta, dalla madre di Bellissima alla pittoresca attrice di Siamo donne. Una Magnani siculo-americana, taciturna e scontrosa, dominata da un represso sottofondo sessuale, non è certo l’immagine più fedele che si può avere del suo personaggio. Anna Magnani non è un personaggio introverso, ma estroverso; non nasconde niente dentro di sé, ma protesta; infine non è siciliana, ma romana: e pur senza voler attribuire ai caratteri etnici una fissità assoluta (e senza voler legare l’attrice all recitazione dialettale) ci sono certe regole di verosimiglianza psicologica che nel cinema nessuno può violare. Avete notato che Anna Magnani, doppiando se stessa per La rosa tatuata, ha dovuto rinunciare, forse per la prima volta, alle inflessioni romanesche? Intendiamoci, ha recitato benissimo e il suo sforzo merita lode: ma le sue battute in lingua appaiono alquanto ingrigite, non hanno la vivacità consueta.

Ciò non toglie che nel film, la Magnani sia molto brava: perfino troppo, in qualche scena dove fa evidentemente ricorso ai piccoli e grandi trucchi del suo mestiere consumato, dove la ricerca dell’effetto appare leggermente scoperta. In molte sequenze l’attrice ha tuttavia momenti di autentica grandezza, soprattutto nei dialoghi con Burt Lancaster: che, da parte sua, si rivela ancora una volta un interprete eclettico e spiritoso, un attore completo.

Tullio Kezich

Autore: tributetoannamagnani

"Tribute to Anna Magnani" è un progetto ideato e realizzato per rendere omaggio ad Anna Magnani, a scopo didattico e senza fini commerciali. For Study Purposes Only.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.